martedì 14 ottobre 2014

I Circoli minori: sono possibili sorprese o capovolgimenti?

(Luis Badilla - Alessandro Notarnicola*) Padre Federico Lombardi, portavoce della Santa Sede, questa mattina all'apertura del Briefing, riportando un comunicato della Segreteria generale del Sinodo, ha detto: "In seguito alle reazioni e discussioni seguite alla pubblicazione della relatio post disceptationem, e al fatto che le è stato spesso attribuito un valore che non corrisponde alla sua natura, si ribadisce che tale testo è un documento di lavoro, che riassume gli interventi e il dibattito della prima settimana, e che ora è proposto alla discussione dei membri del Sinodo riuniti nei Circoli minori, secondo quanto prevede il Regolamento del Sinodo stesso".
In queste stesse ore su Twitter e in rete leggiamo alcuni commenti e considerazioni che attribuiscono a questo comunicato un'interpretazione fuorviante; la Segreteria del Sinodo con il comunicato riferito poche ore fa non mette in discussione l'impegno e l'interesse degli organi di stampa, ma rivolgendosi ai giornalisti - per i quali ha espresso notevole considerazione - precisa la natura e la portata non definitiva del documento.

La Segreteria del Sinodo sottolinea in tal modo che la Relatio post disceptationem non è il documento conclusivo e definitivo del Sinodo, come tra l'altro hanno intitolato numerose testate non specializzate in affari vaticani, ma ribadisce la natura "preparatoria" della relazione presentata dal card. Erdo, in modo che il lavoro dei padri sinodali nei Circoli minori non appaia come un rituale inutile. Non è così.

In questi giorni, il lavoro e le conseguenti riflessioni realizzate dai Circoli minori si basano proprio sulla relazione presentata ufficialmente lunedì mattina, e i padri sinodali hanno diritto a proporre modifiche, correzioni e integrazioni che ritengono necessarie e opportune a una legittima collatio sino al prossimo giovedì mattina 16 ottobre, giorno in cui - come ha specificato padre Lombardi - nella Congregazione generale sarà presentata la Relatio Sinodi.

Caso mai, la cosa più interessante e magari centrale è un'altra: ipotizzare che la Relatio Sinodi possa in molti punti apparire diversa o addirittura contrastante, in particolare si fa ora riferimento a quelli che dal 5 ottobre sono diventati dei topoi diffusi e ben presentati dalla stampa internazionale.

Per come si stanno svolgendo i lavori dei circoli minori una totale revisione del documento già presentato, seppure possibile poiché garantita dal regolamento, è (quasi) del tutto improbabile. I voti per approvare la linea sinodale presentata dal relatore card. Erdò ci sono.

Ad ogni modo va ricordato che anche il documento conclusivo ufficiale del Sinodo, votato sabato 18 ottobre, sarà comunque un testo di lavoro per le comunità ecclesiali fino all'apertura della XIV° Assemblea straordinaria del Sinodo dei vescovi, la quale avverrà nell'ottobre del 2015.


* Redazione Il Sismografo, www.ilsismografo.blogspot.it.

Nessun commento:

Posta un commento