mercoledì 15 ottobre 2014

La famiglia: il prisma e la sfera

(Vania De Luca*) Il Sinodo straordinario sulla famiglia prosegue fino a sabato 18 con le riunioni dei circoli minori e ancora con congregazioni generali, fino alla relazione finale e al messaggio al popolo di Dio che nel corso dell’anno prossimo, cioè fino al Sinodo ordinario del 2015, potranno essere oggetto di analisi e confronto nelle Chiese di tutto il mondo. Lavori in corso, dunque, cantiere aperto, e un metodo, quello sinodale, che papa Francesco vorrebbe rendere, nella Chiesa, permanente.



La relazione del card. Erdo, dopo gli oltre 250 interventi della prima settimana di Sinodo, ha avuto una certa eco nell'opinione pubblica, soprattutto relativamente all'approccio nuovo che si è riscontrato sulle tematiche dalla famiglia e delle famiglie di oggi. “Non si affrettino conclusioni”, è stata la precisazione, arrivata, il giorno dopo, dal Sinodo: il cammino è appena all'inizio, e “le questioni riguardanti la famiglia sono al centro dell’attenzione della Chiesa non solo per gli aspetti problematici”, come ha sottolineato in sala stampa il card. Filoni.

Per Papa Francesco la realtà è più simile a un prisma che una sfera. Il prisma ha diverse facce, non tutti suoi punti sono equidistanti dal centro. Ha anche pareti lisce e spigoli più o meno appuntiti. La sfera è tutta liscia, senza spigoli, con ogni punto equidistante dal centro. Affrontare le tematiche familiari (guardando peraltro non solo al nostro Occidente) significa più che mai avere a che fare con le tante facce di un prisma: separati, divorziati (risposati o meno) conviventi, unioni civili, coppie di fatto, coppie omosessuali (che in alcuni paesi possono adottare bambini).

A tutte queste realtà i padri sinodali hanno guardato non con occhio di giudici ma con occhio di pastori, ponendo, a ben guardare, più domande che risposte. Se e in che tempi arriveranno delle risposte alle nuove sfide poste da una pastorale familiare che papa Francesco vorrebbe “intelligente, coraggiosa e piena d'amore” è da vedere, e il cammino è appena all'inizio, ma un dato chiaro è che parlare di famiglia oggi significa avere a che fare più con un prisma che con una sfera, e questo, sembrerebbe, è un dato già emerso.

* RaiNews 24, viadellaconciliazione.blog.rainews.it

Nessun commento:

Posta un commento