martedì 7 ottobre 2014

Standing ovation ai coniugi Pirola

(Gilberto Borghi) Standing ovation ai coniugi Ron e Mavis Pirola, che ieri hanno preso la parola al sinodo!!! Il loro intervento è da manuale. In poche frasi, senza troppi giri di parole e raccontandosi, danno indicazione chiara ai santi padri sinodali sul metodo per condurre il sinodo, sul punto di ripartenza per ridare vita alla famiglia cristiana, sulla strada per la soluzione dei cosiddetti casi difficili e su come recuperare un rapporto sano tra famiglia e Chiesa.
Se i santi padri sinodali volessero sapere qual è il metodo migliore per gestire questa assise. Raccontando del loro percorso e degli incontri che li hanno aiutati i coniugi dicono: "Il metodo era quello di un ascolto orante delle storie di ciascuno (...) Non c'erano grandi discussioni sulla legge naturale, ma per noi erano esempi." Già i primi discorsi di ieri, dei padri sinodali, mostrano quanto siamo lontani da questo.
Se i santi padri sinodali volessero sapere da dove ripartire per sostenere la famiglia. In modo perentorio e chiarissimo i coniugi recuperano ciò che è alla base di ogni esperienza concreta di famiglia, al di là di tanti discorsi. "Il matrimonio è un sacramento della sessualità che trova la sua più piena espressione nel rapporto sessuale". Da secoli abbiamo perso il corpo e la sua centralità nel cristianesimo e adesso ci meravigliamo se la famiglia cristiana è in crisi? C’è un’antropologia da rifare.
Se i santi padri volessero trovare una via per risolvere i casi difficili. Ancora un semplice racconto dei coniugi. "Alcuni nostri amici stavano organizzando il loro raduno natalizio di famiglia quando il loro figlio gay ha detto che voleva portare anche il suo partner. La loro risposta si può riassumere in tre parole: «È nostro figlio»." La misericordia e l’accoglienza non si definiscono per legge. Non è modificando le procedure di ammissione all’eucarestia che i “casi difficili” si risolvono. E’ modificando la nostra convinzione che siccome siamo senza peccato, allora è lecito scagliare la pietra.
Se i santi padri sinodali volessero capire come recuperare un rapporto tra famiglia e Chiesa. A commento della risposta dei genitori del figlio gay, i coniugi proseguono dicendo: "Che modello di evangelizzazione per le parrocchie che si trovano a dover fronteggiare situazioni simili nel proprio quartiere. È un esempio pratico di ciò che l'Instrumentum Laboris vuole dire riguardo al ruolo del magistero della Chiesa e la sua missione principale di fare sì che il mondo conosca l'amore di Dio." Il ruolo del magistero è far si che l’amore di Dio in Cristo sia conosciuto dal mondo. Un amore disordinato non si recupera chiedendo ordine, ma aumentando l’amore.  

Nessun commento:

Posta un commento