mercoledì 21 ottobre 2015

In Rete, siamo tutti sinodizzati: si è udito parlare un padre su tre

di Guido Mocellin*

Una giovane e brava collega, Caterina Bombarda, che sta ultimando uno stage entro le mura vaticane, ha scritto su Facebook: siamo tutti sinodizzati. A conferma di questo impeccabile neologismo voglio raccontare oggi una storia fatta soprattutto di numeri: quelli dei padri sinodali dei quali, durante il Sinodo, abbiamo conosciuto, grazie anche all'informazione ecclesiale che viaggia sul web, i punti di vista.


Cominciamo dagli interventi in aula: solo guardando i siti che tengo d'occhio, ne ho potuti leggere, nelle prime due settimane di lavori, 25. E non perché qualcuno aveva infilato in tasca, di nascosto, un registratore ai loro autori, ma perché questi, attraverso i siti delle rispettive diocesi o conferenze episcopali, hanno deciso di renderli pubblici, senza per ciò incorrere in reprimende della Segreteria generale.


In più, sono state diffuse dalla Sala stampa le omelie pronunciate dai padri sinodali in apertura delle Congregazioni generali.
Passiamo ai briefing: accanto a padre Lombardi si sono resi disponibili a rispondere alle domande dei giornalisti 14 membri del Sinodo, due dei quali sono anche nel gruppo di quelli che hanno divulgato i propri interventi in aula.

E poi ci sono le tante interviste: limitatamente alle fonti italiane o che hanno rilanciato in Italia interviste pubblicate altrove, ne ho contate 50, con la Radio Vaticana che da sola ne ha proposte mediamente due al giorno. E solo 7 di questi padri intervistati sono stati anche a un briefing e/o hanno divulgato il proprio intervento in aula.

In conclusione (senza contare la voce del relatore generale, che si è sentita in apertura, e quelle sinodali collettive dei 13 gruppi linguistici, con le loro 39 relazioni complessive) fanno 85 padri sinodali – all'incirca, uno su tre – dei quali abbiamo udito, talvolta ripetutamente, le singole voci. La sinodalità, che con tanta chiarezza papa Francesco ha chiamato la Chiesa a vivere, oggi passa anche dalla Rete.

* dalla rubrica Wikichiesa, Avvenire, 21 ottobre 2015.

Nessun commento:

Posta un commento