lunedì 20 maggio 2019

Sinodo panamazzonico: aggiornamenti


Oltre al lavoro delle assemblee locali, procede anche a Roma il processo del Sinodo panamazzonico, dedicato a "Nuovi cammini per la Chiesa e per un'ecologia integrale". Il 4 maggio sono stati nominati il relatore generale e i segretari speciali: il card. Cláudio Hummes ofm, arcivescovo emerito di São Paulo, presidente della Rete Ecclesiale Panamazzonica (REPAM) sarà il relatore generale, mentre mons. David Martínez De Aguirre Guinea op, vescovo tit. di Izirzada e vicario apostolico di Puerto Maldonado (Perù) e P. Michael Czerny si, sottosegretario della Sezione migranti e rifugiati del Dicastero per il servizio dello sviluppo umano integrale (Vaticano), segretari speciali.


II 14 e il 15 maggio, poi, "si è tenuta la seconda Riunione del Consiglio pre-sinodale dell’Assemblea speciale del Sinodo dei vescovi per la Regione panamazzonica. Hanno partecipato tutti i membri del Consiglio, tra cui cardinali, vescovi, religiose e un laico, in rappresentanza delle Chiese in Amazzonia. Erano presenti anche esperti, consultori della Segreteria generale e invitati speciali.

I lavori hanno avuto inizio con l’intervento del segretario generale, sua em.za card. Lorenzo Baldisseri, che ha ringraziato il santo padre per la nomina del relatore generale (...) e dei due segretari speciali (...) Inoltre, il segretario generale ha rivolto uno speciale saluto ai membri del Consiglio pre-sinodale, agli esperti e ad altri invitati speciali convocati per la riunione.

Nella relazione del segretario generale sono state elencate le diverse attività compiute dalla Segreteria generale sin dalla I riunione del Consiglio presinodale (svoltosi nell’aprile 2018) in vista dell’Assemblea sinodale panamazzonica. La prima attività in ordine cronologico è stata la seconda riunione della REPAM con la Segreteria del Sinodo (tenutasi a Manaos, dal 14 al 15.11.2018), alla quale hanno partecipato vescovi rappresentanti della REPAM nei diversi paesi appartenenti alla Regione panamazzonica e anche delegati delle conferenze episcopali regionali nel territorio amazzonico del Brasile.

Il secondo evento in relazione al Sinodo panamazzonico è stato il seminario di studio organizzato dalla Segreteria generale sul tema "Verso il Sinodo speciale per l’Amazzonia: dimensione regionale e universale" (celebratosi dal 25 al 27.2.2019). Il programma del Seminario includeva due grandi questioni ovvero, la missione della Chiesa e l’ecologia integrale.

La terza attività della Segreteria Generale è stata la sua partecipazione alla Conferenza internazionale di Washington (svoltasi dal 19 al 21.3.2019), organizzata dalla REPAM, dal Dicastero per il servizio dello sviluppo umano integrale, dall’osservatore della Santa Sede presso l’ONU e dalla Conferenza dei provinciali gesuiti degli Stati Uniti e del Canada. Il tema dell’evento è stato "Ecologia integrale: una risposta sinodale dalla regione amazzonica e altri biomi / territori essenziali per la cura della casa comune".

Oltre a ciò, l’attività più importante che ha visto coinvolta la Segreteria generale è stata la preparazione del Documento di lavoro, che è stato l’oggetto principale all’ordine del giorno di questa seconda riunione del Consiglio presinodale. Nelle diverse sessioni di tale riunione è stato esaminato il progetto dell’Instrumentum laboris per l’Assemblea speciale, che raccoglie in un unico testo il materiale della consultazione avviata con il Documento preparatorio, i risultati del suddetto seminario, così come l’abbondante documentazione proveniente dagli eventi organizzati dalla REPAM nell’ambito dell’Amazzonia (cioè assemblee territoriali, forum tematici, incontri, seminari e convegni).

Il Documento di lavoro è diviso in tre parti che affrontano i seguenti argomenti: la voce dell’Amazzonia intesa come ascolto di quel territorio, l’ecologia integrale e la Chiesa con volto amazzonico. Lo scopo del testo è quello di presentare la situazione pastorale di quelle terre e avviare nuovi cammini per una più incisiva evangelizzazione in Amazzonia. Nel contempo, il medesimo Documento di lavoro è una riflessione sulla problematica ecologica che interessa la Regione, secondo l’enciclica Laudato si’. I membri hanno manifestato il loro apprezzamento per il lavoro svolto e hanno offerto suggerimenti utili al suo miglioramento.

Al termine della discussione il Consiglio presinodale ha approvato l’Instrumentum laboris, che verrà ampiamente diffuso a tutti i livelli per coinvolgere il popolo di Dio nel processo sinodale e che sarà trasmesso alle conferenze episcopali interessate e agli altri Organismi aventi diritto, i cui rappresentanti parteciperanno all’Assemblea sinodale.

Alla conclusione dei lavori, il segretario generale ha ringraziato i membri del Consiglio e gli altri partecipanti per i loro contributi e per lo spirito di comunione manifestato nel corso della riunione".


Nessun commento:

Posta un commento